Tra le tante novità di SQL Server 2016, una versione migliorata del DBCC CHECKDB, il tool per il controllo di integrità del database.

Le novità riguardano la gestione dei lock, gli Extended Logical Checks e la possibilità di modificare le impostazioni del parallelismo.

Quest'ultima opzione, in particolare, richiesta da tempo (vedi qui) perché utile in quegli ambienti OLTP dove il grado di parallelismo è per necessità mantenuto a valori minimi. Maggiori informazioni in questo articolo di Aaron Bertrand.

In questo post riepilogativo voglio segnalare, a chi sta approcciando SQL Server o a chi vuole approfondire questi argomenti, alcune serie di post che esperti di SQL Server hanno scritto sui temi più vari.

A SQL Server DBA Myth a day
di Paul Randal

(1/30) in-flight transactions continue after a failover
(2/30) DBCC CHECKDB causes blocking
(3/30) instant file initialization can be controlled from within SQL Server
(4/30) DDL triggers are INSTEAD OF triggers
(5/30) AWE must be enabled on 64-bit servers
(6/30) three null bitmap myths
(7/30) multiple mirrors and log shipping load delays
(8/30) unicorns, rainbows, and online index operations
(9/30) data file shrink does not affect performance
(10/30) database mirroring detects failures immediately
(11/30) database mirroring failover is instantaneous
(12/30) tempdb should always have one data file per processor core
(13/30) you cannot run DMVs when in the 80 compat mode (T-SQL Tuesday #005)
(14/30) clearing the log zeroes out log records
(15/30) checkpoint only writes pages from committed transactions
(16/30) corruptions and repairs
(17/30) page checksums
(18/30) FILESTREAM storage, garbage collection, and more
(19/30) TRUNCATE TABLE is non-logged
(20/30) restarting a log backup chain requires a full database backup
(21/30) corruption can be fixed by restarting SQL Server
(22/30) resource governor allows IO governing
(23/30) lock escalation
(24/30) twenty six restore myths
(25/30) fill factor
(26/30) nested transactions are real
(27/30) use BACKUP WITH CHECKSUM to replace DBCC CHECKDB
(28/30) BULK_LOGGED recovery model
(29/30) fixing heap fragmentation
(30/30) backup myths

Per i più pigri Sorriso:Paul ha condensato il tutto in questo pdf.

An XEvent a Day
di Jonathan Kehayias

(1 of 31) – An Overview of Extended Events
(2 of 31) – Querying the Extended Events Metadata
(3 of 31) – Managing Event Sessions
(4 of 31) – Querying the Session Definition and Active Session DMV’s
(5 of 31) – Targets Week – ring_buffer
(6 of 31) – Targets Week – asynchronous_file_target
(7 of 31) – Targets Week – bucketizers
(8 of 31) – Targets Week – synchronous_event_counter
(9 of 31) – Targets Week – pair_matching
(10 of 31) – Targets Week – etw_classic_sync_target
(11 of 31) – Targets Week – Using multiple targets to simplify analysis
(12 of 31) – Using the Extended Events SSMS Addin
(13 of 31) – The system_health Session
(14 of 31) – A Closer Look at Predicates
(15 of 31) – Tracking Ghost Cleanup
(16 of 31) – How Many Checkpoints are Issued During a Full Backup?
(17 of 31) – A Look at Backup Internals and How to Track Backup and Restore Throughput (Part 1)
(18 of 31) – A Look at Backup Internals and How to Track Backup and Restore Throughput (Part 2)
(19 of 31) – Using Customizable Fields
(20 of 31) – Mapping Extended Events to SQL Trace
(21 of 31) – The Future – Tracking Blocking in Denali
(22 of 31) – The Future – fn_dblog() No More? Tracking Transaction Log Activity in Denali
(23 of 31) – How it Works – Multiple Transaction Log Files
(24 of 31) – What is the package0.callstack Action?
(25 of 31) – The Twelve Days of Christmas
(26 of 31) – Configuring Session Options
(27 of 31) – The Future - Tracking Page Splits in SQL Server Denali CTP1
(28 of 31) – Tracking Page Compression Operations
(29 of 31) – The Future – Looking at Database Startup in Denali
(30 of 31) – Tracking Session and Statement Level Waits
(31 of 31) – Event Session DDL Events

SQL Server DBA Tips
by Ted Krueger

SQL Server DBA Tip 1 - Server Configuration – MAX Memory
SQL Server DBA Tip 2 - Server Configuration – Data/Log Files
SQL Server DBA Tip 3 - Server Configuration – Model Database
SQL Server DBA Tip 4 - Server Considerations - 32 bit / 64 bit
SQL Server DBA Tip 5 - Server Considerations - Installing Features (SSIS, SSRS, Engine, SSAS)
SQL Server DBA Tip 6 - Server Security – Windows Authentication / SQL Authentication
SQL Server DBA Tip 7 - Server Security and grouping – Schema Control
SQL Server DBA Tip 8 - Server Monitoring – Baseline
SQL Server DBA Tip 9 – SQL Server Monitoring – Default Trace
SQL Server DBA Tip 10 – SQL Server Reporting – Offload the reporting factor
SQL Server DBA Tip 11 – SQL Server Configuration – MIN Memory
SQL Server DBA Tip 12 – SQL Server Tuning – Missing Index DMV
SQL Server DBA Tip 13 – SQL Server built in DR/HA Solutions
SQL Server DBA Tip 14 – SQL Server General – Updating Production Data
SQL Server DBA Tip 15 – SQL Server Agent – Job ownership
SQL Server DBA Tip 16 – Working with Files and Folders

A DMV A Day
by Glen Berry

Day 1 sys.dm_os_buffer_descriptors
Day 2 sys.dm_exec_sessions
Day 3 sys.dm_os_sys_info
Day 4 sys.dm_os_sys_memory
Day 5 sys.dm_db_mirroring_auto_page_repair
Day 6 sys.dm_db_index_usage_stats
Day 7 sys.dm_db_missing_index_group_stats
Day 8 sys.dm_fts_active_catalogs
Day 9 sys.dm_os_schedulers
Day 10 sys.dm_exec_procedure_stats
Day 11 sys.dm_db_index_usage_stats
Day 12 sys.dm_db_partition_stats
Day 13 sys.dm_io_virtual_file_stats
Day 14 sys.dm_os_wait_stats
Day 15 sys.dm_os_performance_counters
Day 16 sys.dm_exec_cached_plans
Day 17 sys.dm_db_index_usage_stats
Day 18 sys.dm_clr_tasks
Day 19 sys.dm_os_wait_stats
Day 20 sys.dm_exec_cached_plans
Day 21 sys.dm_os_ring_buffers
Day 22 sys.dm_exec_query_memory_grants
Day 23 sys.dm_os_process_memory
Day 24 sys.dm_exec_requests
Day 25 sys.dm_os_memory_cache_counters
Day 26 sys.dm_exec_procedure_stats
Day 27 sys.dm_tran_locks
Day 28 sys.dm_io_pending_io_requests
Day 29 sys.dm_exec_connections
Day 30 sys.dm_os_buffer_descriptors

A SQL Server Hardware Nugget A Day
by Glen Berry

Day 1  (Westmere-EP)
Day 2 (Westmere-EX)
Day 3 (AMD Opteron 6100)
Day 4 (AMD Bulldozer)
Day 5 (Hardware ID – DMVs)
Day 6 (Hardware ID – Built-in)
Day 7 (CPU-Z)
Day 8 (Recommended Intel Processors)
Day 9 (Recommended AMD Processors)
Day 10 (Old Intel Processor Numbering)
Day 11 (New Intel Processor Numbering)
Day 12 (AMD Processor Numbering)
Day 13 (Intel Turbo Boost)
Day 14 (Intel Tick Tock Release Strategy)
Day 15 (Power Plans and CPU performance)
Day 16 (SQL Server 2008 R2 and Hardware)
Day 17 (Geekbench)
Day 18 (AMD Turbo CORE)
Day 19 (RAID Controllers)
Day 20 (Building a Desktop Test System)
Day 21 (Processor Cache Size)
Day 22 (32-bit vs. 64-bit)
Day 23 (Two Socket vs. Four Socket)
Day 24 (TPC-E Benchmark)
Day 25 (DB Server Processor Selection)
Day 26 (Laptop Processor Selection)
Day 27 (Crystal DiskMark)
Day 28 (Intel Chipsets and SSDs)
Day 29 (Hardware Resiliency)
Day 30 (RAID Level Primer)

Glenn ha pubblicato anche il libro SQL Server Hardware, che potete scaricare gratuitamente in format pdf dall’ottima libreria di Red-Gate !

A Join A Day
by Sebastian Maine (sqlity.net)

Come sempre… enjoy SQL Server ! Sorriso

E’ con immenso piacere che condivido la notizia del rilascio ufficiale di SQL Server 2012.

La RTM, siglata dal team di sviluppo di SQL Server qualche settimana fa, è disponibile per il download nella versione di valutazione da ieri sera.

Nella stessa pagina trovate anche disponibili i SQL Server Data Tools ed il SQL Server 2012 Feature Pack, che include tools e componenti di SQL Server 2012 installabili separatamente quali ad esempio:

  • SQL Server LocalDB
  • Master Data Service Add-in per Excel
  • StreamInsight 2.0
  • Semantic Language Statistics Database
  • PowerPivot per Excel 2010
  • Report Builder per SQL Server 2012
  • Drivers vari (OLEDB, ODBC, JDBC, PHP)
  • SQL Server Compact 4.0
  • SQL Server 2012 Upgrade Advisor

Vi segnalo anche l’evento virtuale di lancio di SQL Server 2012, con una serie di sessioni sulle caratteristiche della nuova versione. Potete leggere maggiori informazioni e registrarvi all’indirizzo http://www.sqlserverlaunch.com/ITA/Home.

Enjoy SQL Server 2012 !

E’ finalmente disponibile il tool di Microsoft per la migrazione assistita verso SQL Azure, Access, Sybase, Oracle e MySQL.

La nuova versione, tra le altre cose, supporta la conversione dei parametri %ROWTYPE di Oracle, i rollback triggers di Sybase ed una migliore gestione delle credenziali delle tabelle collegate di Access.

Questi i links dove scaricare il tool:

Download of the SSMA for Oracle.
Download of the SSMA for Sybase.
Download of the SSMA for MySQL.
Download of the SSMA for Access.

Vi segnalo anche il sito ufficiale del prodotto ed il blog del Team SSMA.

Enjoy SQL Server!

Microsoft ha appena rilasciato l’SSMS Tools Pack 2.0, un add-in per SQL Server Management Studio (per tutte le versioni di SQL Server a partire dalla 2005, compresa la Express Edition), ricchissimo di funzionalità per amministratori e sviluppatori.

Date un’occhiata alle features di questa nuova versione e poi scaricatela da questo link.

Grazie a Gian Maria per la segnalazione di questo utilissimo tool per l’analisi dei log di SQL Server Integration Services.

Tra le caratteristiche più interessanti, la possibilità di visualizzare il grafico delle performance del package, che indica “a colpo d’occhio” dove si possono nascondere eventuali problemi o l’auto-analisi del package per suggerire allo sviluppatore dove intervenire.

Funziona sia con SQL Server 2005 che 2008 (occhio, ci sono due build separate!) e richiede il framework 3.5 SP1 per poter funzionare correttamente.

Vi segnalo questo articolo sul blog del team di SQLOS che riporta come utilizzare le wait statistics per risolvere problemi di performance di SQL Server 2008.

Nello stesso articolo trovate alcuni links ad altrettanti posts relativi al performance tuning su SQL Server 2000 e 2005, oltre all’utilissimo IOMeter, il tool di Intel per monitorare le prestazioni dei vostri dischi.

Una delle caratteristiche più interessanti di SQL Server 2008 è la capacità di comprimere i dati a livello di riga o di pagina.

Chi ha avuto modo di implementare questa funzione ha probabilmente utilizzato la stored procedure sp_estimate_data_compression_savings, che restituisce le informazioni riguardo alle dimensioni di ciascun oggetto (tabella o vista indicizzata) con le impostazioni correnti e ottimali.

Da ieri è presente in Codeplex questo tool per calcolare quale compressione utilizzare per gli oggetti presenti nel database, con la possibilità di evidenziare il tasso di modifica degli indici, per consentire al DBA, ad esempio, di scegliere una modalità di compressione meno aggressiva per indici molto dinamici.

Volevo segnalare questo tool per la modifica ed il test di espressioni in SQL Server Integration Services.

Oltre ad essere utilizzabile come eseguibile stand-alone, può essere utile anche estrapolando l’Expression Editor Control, che può essere riutilizzato in altre applicazioni, come segnalato dallo stesso autore.

Un vero e proprio… supermarket con più di 100 componenti per Integration Services, alcuni gratuiti, altri a pagamento.

Lo trovate qui.

Mi è capitato di recente di installare ESX 4.1 su un blade HP che non ne voleva sapere di vedere il drive DVD. In questi casi è possibile usare il “jolly” :-) ed effettuare l’installazione da penna USB.

Il procedimento è molto semplice:

1.  Utilizzare un’applicazione come Unetbootin per rendere “bootabile” la nostra pennetta USB partendo dall’immagine ISO di VMWare ESX 4.1 (tra le opzioni di Unetbootin è possibile scegliere il file ISO, specificare la lettera dell’unità corrispondente alla penna USB e cliccare su OK !) .
2.  Far partire il server utilizzando la penna USB (attenzione: quasi sicuramente occorre modificare la sequenza di avvio dal BIOS)
3.  Cliccare TAB quando appare la schermata di installazione di VMWare
4.  Aggiungere il comando askmedia al termine della stringa relativa al bootloader syslinux che appare sullo schermo.

Il processo di installazione di ESX4 continuerà normalmente, consentendo però la scelta del percorso di origine dei files di installazione (USB, FTP, NFS, etc).

Microsoft ha reso disponibile un tool che consente di organizzare le connessioni in desktop remoto. Nell’articolo che potete trovare su MSDN viene proposto come strumento per migliorare la gestione di ambienti cluster, anche se non progettato specificamente per questo.

E’ scaricabile gratuitamente all’indirizzo:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=4603c621-6de7-4ccb-9f51-d53dc7e48047&displaylang=en

Personalmente sto utilizzando ormai da qualche tempo mRemote, un tool simile a quello proposto da Microsoft, con qualche peculiarità in più, come la possibilità di connettersi al server utilizzando diversi protocolli (RDP, VNC, SSH1, SSH2, HTTP, HTTPS, RAW, etc).

Chi sono

  • Danilo Dominici
  • Send mail to the author(s) Email
  • Skype
  • View my profile on LinkedIn

Tags

Calendario

<2017 August>
SunMonTueWedThuFriSat
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829303112
3456789

Archivio posts

Blog che leggo

Subscribe to this weblog's RSS feed with SharpReader, Radio Userland, NewsGator or any other aggregator listening on port 5335 by clicking this button.

Statistiche

Total Posts: 139
This Year: 0
This Month: 0
This Week: 0
Comments: 30